image1 image2 image3 image4 image5

QR Code

QR Code Studiolegalecivile.it

Contatore visite

Visite agli articoli
2618904

Responsabilità dell'host provider per contenuti pubblicati

Google non è responsabile per la diffusione di filmati lesivi della privacy, caricati da parte di terzi.

Cassazione, Sezione Penale III, 3 febbraio 2014, n. 5107.

E' con una interessante sentenza di ieri, 3 febbraio 2014, che la Cassazione penale assolve Google per la diffusione di contenuti multimediali (nella fattispecie dei filmati) da parte di suoi utenti.

L'accaduto qui era increscioso e cioè il caricamento on-line, ossia l'upload, nonché la successiva diffusione pubblica di un filmato lesivo della riservatezza di altri utenti. Si tratta del caso, noto alle cronache, del disabile che veniva maltrattato e schernito anche con l'uso di percosse da parte dei compagni di scuola.

Google, in qualità di host provider, non è quindi responsabile della violazione della privacy perpetrata nel caso di specie e ciò in virtù del fatto che i reati previsti all'art. 167 del Codice della Privacy devono intendersi come reati propri, reati cioè che possono essere commessi dal solo titolare del trattamento dei dati e non da parte di qualsiasi altro soggetto.

Per questi motivi la Cassazione ha assolto gli amministratori di Google dalle accuse loro mosse.